La dinastia Han

La dinastia Han (206 a.C. - 220 d.C.) è spesso considerata la prima età dell’oro della Cina. Molti dei suoi imperatori governarono seguendo gli antichi ideali spirituali dell’Imperatore Giallo e di Lao Zi, per mantenere pace e prosperità. Questo periodo ha anche promosso lo sviluppo del Confucianesimo, del Buddismo e del Taoismo. La corte imperiale, gli eruditi e i capaci generali diedero impulso alla Cina con nuove idee, espansioni territoriali e nuove opportunità di istruzione.

L’eredità della dinastia Han continua a essere sentita ancora oggi. Il maggior gruppo etnico in Cina è quello degli Han, il vestito tradizionale è chiamato abbigliamento Han, il sistema di scrittura è conosciuto come caratteri Han e la stessa lingua cinese è chiamata han-yu, la lingua Han. Un eroe è definito un hao-han, un “buon Han”.

La dinastia Han iniziò quando Liu Bang, che era nato contadino, e i sui famosi generali, rovesciarono la dinastia Qin nel 206 a.C. Liu Bang stabilì la capitale a Chang’an, che divenne una delle più grandi città del mondo per quel tempo e che sarebbe stata capitale della Cina sotto molte dinastie a venire.

Sostenuto dalla corte reale, il Confucianesimo divenne il riferimento per la valutazione dei corretti comportamenti ufficiali e individuali. Gli eruditi confuciani fondarono l’Università Imperiale, una istituzione destinata a raccogliere le più brillanti menti della Cina e a formare una nuova generazione di funzionari intelligenti e virtuosi.

Durante questo periodo, il territorio della Cina quasi raddoppiò, poiché la dinastia Han sconfisse le tribù del nord e firmò trattati con i clan a occidente (l’attuale Xinjiang). Ciò rese i viaggi molto più sicuri, uno stimolo alla nascita di quella che sarebbe poi stata chiamata la Via della Seta, che connetteva la Cina al lontano Impero Romano.

La dinastia Han vantò anche dei più leggendari generali della Cina — Han Xin, che aiutò Liu Bang a fondare la dinastia, “il Generale Volante” Li Guang, che poteva conficcare una freccia nella profondità di una roccia e molti altri quali Zhou Yafu, Wei Qing e Huo Qubing.

Altre figure di spicco di questa era furono il famoso storico cinese Sima Qian, autore di Shiji, il saggista e poeta Sima Xiangru, i diplomatici Zhang Qian e Su Wu, l’economista Sang Hongyang e, da non dimenticare, il giullare di corte Dongfang.

La dinastia Han si interruppe improvvisamente nel 9 d.C. quando il nipote dell’imperatrice, Wang Mang, usurpò il trono. Egli durò 14 anni, sino a quando Liu Xiu, discendente di Liu Bang, lo rimosse dal potere e vi ristabilì la dinastia Han. Il ritrovato impero fu chiamato Han Orientale (25-220 d.C.), mentre quello che lo aveva preceduto è normalmente chiamato Han Occidentale. Dodici imperatori governarono durante la dinastia Han Occidentale e altri dodici governarono poi la dinastia Han Orientale.

Durante quest’ultimo periodo della dinastia Han Orientale, fu introdotto in Cina dall’antica India il Buddismo. Insieme al Taoismo e al Confucianesimo, queste tre scuole fondarono la cultura che avrebbe rappresentato il substrato della civiltà cinese nei successivi 2.000 anni.

Ma, come tutte le dinastie, anche quella degli Han ebbe la sua crescita, il suo picco e il suo declino. Gli intrighi di corte e molte imponenti ribellioni alla fine condussero alla sua caduta. Il signore della guerra Dong Zhuo guidò le truppe nella capitale e iniziò un periodo di lotte tra diversi signori della guerra. Più tardi, Cao Cao riuscì a unire le regioni a nord del Fiume Azzurro, Sun Quan fondò un regime separato nel Jangsu, a sud del Fiume Azzurro e Liu Bei occupò la regione Shu occidentale. La Cina entrò così in un nuovo periodo — un equilibrio tripartitico di forze ben descritto nell’epico Romanzo dei tre regni.

La dinastia Qin
Le dinastie del Nord e del Sud
Abbigliamento etnico Han
Il Grande Generale Han Xin